Sant'Antonio e io

Poesia di Dario Pece.

Gentilissima redazione, sono Dario Pece. Le invio in allegato un mia poesia intitolata «Sant'Antonio e io». Sperando che sia per lei meritevole di pubblicazione, la ringrazio e le porgo i miei più cordiali saluti.
Dario Pece

Sant'Antonio e io

Stasera la solitudine brilla
co' 'ste vie bagnate da 'no sgrullone,
er silenzio nu' mormora ma strilla
perché vorebbe risvejà 'sto rione. 

Li passi mia, prima sin troppo incerti,
se fanno via via sempre più sverti
fino a quanno 'na strana senzazzione
me fa fermà de corpo in un cantone;

lì, ar Cedro, Sant'Antonio me guarda*
come pe' dimme: «'ndo' stai annà de corza!
La vita è bella e l'anima se scarda 
si rallenti e te godi co' gran forza

'sti bei momenti semprici e tranquilli,
lontani da la caciara e dai strilli,
ma che sanno arigalà 'n'emozzione
ch'ariva senza fa nisuna azzione».

*A vicolo del Cedro (Trastevere) vi è un’edicola sacra con l’effigie di Sant’Antonio.

Data di aggiornamento: 22 Luglio 2019